Hanno ucciso Charlie Hebdo

Il terrorismo e la resa dell'Occidente: la libertà di espressione è finita

Giulio Meotti

Collana I Draghi

  • Pubblicazione: 17 dicembre 2015
  • Pagine: 168
  • Formato: 14x21
  • ISBN: 9788867084418
  • Prefazione: Renaud Camus
  • prezzo: € 16,00
    - Sconto 15%: € 13,60
Ci sono 3 copie disponibili Spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 €

Il libro

7 gennaio 2015: un commando di terroristi islamici fa irruzione nella redazione parigina di «Charlie Hebdo» e uccide otto fra giornalisti e vignettisti.
13 novembre 2015: un commando di kamikaze fa strage nei locali notturni della capitale francese, causando 129 morti. 

Perché Parigi? Perché è la città delle vignette su Maometto e di Soumission di Michel Houellebecq.

La grande manifestazione «Je suis Charlie» dell'11 gennaio 2015 è stata una dimostrazione di solidarietà che ha impressionato tutti e però ha anche trasmesso un'impressione fuorviante. Come se da una parte ci fosse il mondo libero unito nel sostegno alla libertà di espressione, e dall'altra una manciata di estremisti islamici che si oppone alla libertà e a «tutto ciò che ci è più caro». Ben presto è apparso chiaro che la minaccia alla libertà non veniva soltanto dai barbari alle porte, ma anche dall'interno della stessa cittadella della civiltà. I giornalisti di «Charlie» erano stati abbandonati, demonizzati, messi sotto scorta e infine processati in quella capitale dei valori europei che è Parigi. Gran parte del giornalismo e della letteratura in Europa non è mai stato «Charlie».

Questo libro ripercorre per la prima volta la «guerra dei trent'anni» sulla libertà di espressione e l'islam. Una guerra iniziata con I versi satanici di Salman Rushdie, proseguita con l'affaire delle vignette in Danimarca e culminata nel massacro a «Charlie Hebdo». Le vittime sono state vignettisti, giornalisti, scrittori, artisti, traduttori, sceneggiatori, giornali, case editrici, musei e anche un papa, Benedetto XVI.

Nessuno oggi oserebbe riscrivere I versi satanici e, se anche lo facesse, nessun editore oserebbe pubblicarli, così come il film di Theo van Gogh Submission è sparito in fretta dalle sale cinematografiche. Nella clandestinità e nell'assassinio dei giornalisti di «Charlie Hebdo» è morta un po' della libertà che tutti noi avevamo di pensare, di leggere, di scrivere. Parigi, la città delle luci, oggi è un po' più buia.

Rassegna stampa

altre recensioni

Nella stessa collana

Prendersi cura degli altri Marie de Hennezel

Prendersi cura degli altri

Distributismo John C. Médaille

Distributismo

Luxury Hackers Danilo Venturi

Luxury hackers